Viaggio e incertezza, fatalità e ribellione in Ekomo di María Nsue Angüe

Autori

  • Danilo Manera UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO

DOI:

https://doi.org/10.6092/issn.2036-0967/2394

Parole chiave:

María Nsue Angüe, Letteratura della Guinea Equatoriale, Letterature ispanoafricane, Romanzo africano postcoloniale

Abstract

Ekomo (1985) di María Nsue Angüe, romanzo già classico nella letteratura della Guinea Equatoriale ispanofona, presenta la visione del mondo e l’esperienza vitale di una giovane d’etnia fang e di zona rurale nell’Africa della decolonizzazione. Questo studio esamina le coordinate spazio-temporali e la rete di contrapposizioni culturali rilevabili nel testo e propone una mappa delle principali isotopie caratterizzanti che vi interagiscono: il viaggio (terapeutico, iniziatico, mnemonico e mitologico) e le frontiere (fisiche, temporali, mentali e soprannaturali), l’incertezza e l’impotenza, la fatalità e il lutto, la corporeità e la ribellione.

Downloads

Pubblicato

2011-12-21

Come citare

Manera, D. (2011). Viaggio e incertezza, fatalità e ribellione in Ekomo di María Nsue Angüe. Confluenze. Rivista Di Studi Iberoamericani, 3(2), 158-174. https://doi.org/10.6092/issn.2036-0967/2394