Materialità in movimento. Agentività, significati e circolazione di oggetti nelle Americhe (Vol. XVI No. 1)

2023-04-11

Coordinatori:

Valeria Bellomia, Sapienza Università di Roma (valeria.bellomia@uniroma1.it)

Federica Rainelli, UNAM - Instituto de Investigaciones Antropológicas  (fede.rainelli@gmail.com) 

 

Call for papers

Ormai da alcuni decenni il variegato orizzonte delle scienze umane e sociali pone al centro delle proprie riflessioni gli aspetti materiali della cultura, così da scandagliare le modalità attraverso cui gli esseri umani nel corso dei secoli e al variare delle latitudini si sono relazionati tra loro e con l'ambiente. Sulla scorta del cosiddetto material turn e delle riflessioni sui concetti di «agentività», «vita sociale» e «biografia» delle cose, negli ultimi anni è emersa la necessità di integrare oggetti – sia quotidiani, sia rituali – nello studio delle rappresentazioni culturali. Quanto al continente americano, le scienze sociali hanno sviluppato diverse prospettive di ricerca, spesso basate su una forte interdisciplinarità; il dibattito attuale, in particolare, si concentra sulla ricerca di un nuovo modo di intendere gli aspetti polisemici della materialità attraverso cui i gruppi umani intendono dare senso al proprio mondo. Inscrivendosi in tale contesto, il presente dossier si propone di accogliere studi che, da diverse prospettive disciplinari (antropologiche, storiche, letterarie e sociologiche, tra le altre), analizzino come le scienze umane trattano il tema della «densità» degli oggetti, ovvero della stratificazione dei loro significati, dei loro simboli e dei loro valori.

Gli articoli si misureranno con lo stato dell’arte delle relative discipline, promuovendo una riflessione metodologica, storiografica e concettuale in merito ai processi di definizione culturale dell'oggettualità e al suo rapporto con la soggettività nella creazione di significati socioculturali. In particolare, il dossier accoglierà articoli che analizzino tale dialettica tra soggetto e oggetto (oggetti soggettivizzati e soggettività che si manifestano attraverso gli oggetti) in una prospettiva sincronica e diacronica, indagando in che modo le materialità del passato si integrano nella modernità, come e perché i gruppi umani si appropriano di oggetti appartenenti a contesti socioculturali stranieri e in che modo devono essere intesi tali processi di interazione e (ri)appropriazione. Gli articoli prenderanno in considerazione oggetti artistici, di uso quotidiano o rituale, intesi come referenti relazionali, testimonianze storiche, simboli identitari o supporti mnemonici. Particolare attenzione verrà riservata ai contributi che propongano un’analisi di come tali oggetti siano recepiti, interpretati e rielaborati all’interno di fonti letterarie. Il dossier intende inscriversi entro una prospettiva trans-Americana che permetta di mettere in luce continuità e discontinuità nelle dinamiche di relazione e interazione tra esseri umani e materialità in tutto il continente.

 

Gli articoli dovranno essere caricati assieme a un abstract di 600 caratteri (in inglese e nella lingua dell’articolo) con 5 parole chiave e andranno caricati in maniera anonima attraverso la piattaforma OJS della rivista Confluenze. Gli articoli dovranno avere seguire le norme di stile presenti sul sito della rivista.

Lingue accettate: Spagnolo, Portoghese, Italiano e Inglese

Data limite per la ricezione dei contributi: 11 ottobre 2023

Non verranno accettati quei contributi che non rispettino le norme editoriali della rivista.

 

Norme Redazionali

Pagina e testo: 

La rivista prevede 4 sezioni: Monografico, Miscellanea, Panorami, Finestre. In base ai contenuti e alla lunghezza dell’articolo la Redazione e i Referee decideranno in quale sezione inserire l’articolo 

Margini: 3 cm  

Tabulazioni: 1,27   

Font: Palatino Linotype 

Titolo dell’articolo: in grassetto e corsivo, 18, centrato  

Autore e istituzione: allineato a destra, 12. Autore in grassetto, istituzione sotto l’autore e in maiuscoletto 

Corpo del testo: Palatino Linotype 12  

Interlinea: singola 

Spacing (pt): sopra 0 pt, sotto 0 pt 

Titoli di paragrafi: grassetto 12 spostato di uno spazio dal testo precedente e di uno spazio dal testo che segue 

Sottotitoli di paragrafi: in grassetto corsivo 12 spostato di uno spazio dal testo precedente e di uno spazio dal testo che segue 

Note: solo esplicative, Palatino Linotype 10, testo giustificato a pie di pagina, numero della nota prima del punto (così1. E NON così.2). Senza spazio tra la parola e l’apice della nota e tra l’apice della nota e il segno di punteggiatura, nel caso in cui ci sia.  

Abstract: massimo 600 battute (spazi compresi), nella lingua dell’articolo e in inglese 

Parole Chiave: 5 parole chiave nelle due lingue degli abstract. 

Incisi: devono essere delineati dal trattino lungo, separato da uno spazio prima e dopo: 

 – mmkndbv nijcnbv – 

e NON 

- mmkndbv nijcnbv -  

Le foto: devono essere già inserite nel testo, numerate e con la didascalia a margine. Sono accettate senza restrizioni di numero, ma non devono superare i 300 KB ciascuna.  

Citazioni 

 Se la citazione è più breve di 3 righe all’interno del testo tra virgolette: 

 “…”  

Se è più lunga di 3 righe fuori dal corpo del testo, palatino 11, con uno spazio prima e uno dopo, allineata alla sinistra di 1,27, in tondo e senza virgolette.  

Se vi sono parti omesse della citazione devono apparire i tre puntini tra parentesi quadre:  

[…]  

e NON  

(…) 

 

Riferimenti bibliografici

I riferimenti bibliografici seguiranno il sistema Autore-Data de The Chicago Manual of Style. Nel testo con Autore e Data; se citazione testuale tra virgolette e autore, data e numero di pagina: 

Esempio: 

(Eco 2007)

(Eco 2007, 122)

L’indicazione del testo va inserita prima del punto:  

mnccciueufbb mdm (Eco 2007, 122). SI

mnccciueufbb mdm. (Eco 2007, 122) NO

 

Bibliografia 

Nella bibliografia finale devono entrare solo i testi che sono stati citati/segnalati nel testo dell’articolo 

La maniera di redigere la bibliografia segue le indicazioni di The Chicago Manual of Style (https://www.chicagomanualofstyle.org/tools_citationguide/citation-guide-2.html) Di seguito, riportiamo alcuni esempi non esaustivi di redazione basati su questo manuale:

Libri e monografie:

Cognome, Nome. Anno. Titolo del libro. Luogo di pubblicazione: Casa Editrice.

Es.: Rostworowski, María. 2007. Estructuras andinas del poder. Ideología religiosa y política. Lima: IEP.

Più autori: Cognome, Nome e Nome, Cognome…

Es.: López Austin, Alfredo e Leonardo López Luján. 1996. El pasado indígena. México: El Colegio de México / Fondo de Cultura Económica.

Opera collettiva:

Cognome, Nome, ed. Anno. Titolo del libro. Titolo del libro. Luogo di pubblicazione: Casa Editrice.

Es.: Degregori, Carlos Iván, ed. 2000. No hay país más diverso. Compendio de Antropología Peruana. Lima: IEP.

Capitolo in opera collettiva:

Cognome, Nome. Anno. “Titolo del capitolo”. In Titolo del libro, coordinato da Nome Cognome, pagine. Luogo di pubblicazione: Casa Editrice.

Es.: Fell, Eve Marie. 1999. “La pluma y la aguja. Familia, mujer y educación en el Perú de fines del siglo XIX”. In Familia y educación en Iberoamérica, coordinato da Pilar Gonzalbo Aizpuru, 249-266. México: El Colegio de México.

Articolo in rivista:

Cognome, Nome. Anno. “Titolo dell’articolo”. Titolo della rivista Numero del volume (numero parziale): pagine. DOI (se disponibile).

Es.: Scarzalella, Eugenia. 2011. “Ricordi di famiglia. L’antifascismo dei padri immigrati e la militanza rivoluzionaria dei figli (Uruguay 1930-1980)”. Confluenze. Rivista di Studi Iberoamericani 3(1): 83-94. https://doi.org/10.6092/issn.2036-0967/2201

Articolo di giornale: 

Cognome, Nome. Anno. “Titolo dell’articolo”. Titolo del Giornale, data. Pagina web (se disponibile).

Es.: Luján, Esthéfany. 2020. “El suplicio de estudiantes de comunidades indígenas y rurales que luchan por estudiar a distancia en institutos”. La República, 05/11/2020. https://larepublica.pe/sociedad/2020/11/05/el-suplicio-de-estudiantes-de-comunidades-indigenas-y-rurales-que-luchan-por-estudiar-a-distancia-en-institutos/

Pagina Web:

Cognome, Nome. Anno. “Titolo dell’articolo o della pagina web”. Pagina web.

Es.: ALA. 2019. “Comisión Directiva de ALA rechaza el golpe de estado en Bolivia”. http://asociacionlatinoamericanadeantropologia.net/index.php/zoo/109-comision-directiva-de-ala-rechaza-el-golpe-de-estado-en-bolivia

Tutti i casi non riportati in questo documento, cosí come maggiori indicazioni e dettagli, dovranno essere consultati sulla pagina web de The Chicago Manual of Style:

https://www.chicagomanualofstyle.org/tools_citationguide/citation-guide-2.html

Autori con più di un’opera

Il cognome e il nome dell’autore va inserito solo una volta. Per i lavori successivi, citare come nell’esempio:

Campos, Augusto de. 1974. O Balanço da Bossa. São Paulo: Perspectiva.

———. 1976. “Revistas re-vistas: os antropófagos.” In Poesia, antipoesia, antropofagia, ed. Augusto de Campos, 107-124. São Paulo: Cortez e Morães.

Informazioni sull’autore: in un file separato si prega di inviare un breve CV (massimo 5 righe), insieme all’e-mail di contatto.